Intervento Assemblea aprile 2014

punto 1, Parte ordinaria

Signori Soci, Sig. Presidente e Sigg. Consiglieri, Sig. Amministratore Delegato, Sig. Presidente e Sigg. Membri del Collegio Sindacale,

Lo scorso anno, in occasione dell’Assemblea di Bilancio, così esordivo:
“questo Bilancio 2012, il primo della Gestione Profumo-Viola, in particolare se “letto in continuità” con quelli della precedente Gestione Mussari-Vigni, è oggettivamente disastroso e soprattutto lascia profondamente perplessi perché non avendo fatto chiarezza sul passato (intendo il disastro Antonveneta ) non è in condizione di esprimere con trasparenza il presente e non dà speranza né rotta sicura per il futuro, mentre – purtroppo – è in atto un grave stato di disagio nei dipendenti e nella clientela, sottoposti a pressanti richieste di “investimenti” in prodotti assicurativi.
Peraltro, nel corso dell’Assemblea, apprezzavo la dichiarazione del Sig. Presidente Profumo circa il fatto che la Banca avesse totalmente svoltato rispetto al passato sotto il profilo della trasparenza e della situazione patrimoniale.
Pur considerando quel Bilancio disastroso, la nostra Associazione Buongoverno Mps preferì non esprimere voto contrario all’approvazione di quel bilancio.
Purtroppo… questo Bilancio 2013 non solo conferma la giustezza di quanto allora da me asserito, non solo non c’è stata la svolta, ma la complessiva situazione appare addirittura peggiorata!
Tuttavia, prima di esprimermi sul questo Bilancio 2013, vorrei, brevemente, sintetizzare alcuni dati:
1) Osserviamo la perdita dell’operatività corrente al lordo delle imposte:
-anno 2011 negativa per €mln. 4.729 ……………
-anno 2012 negativa per €mln. 3.590 (pag.316) .
-anno 2013 negativa per €mln. 2.059…………….
Ovvero, in buona sostanza, nei tre esercizi è stata distrutta “ricchezza” per oltre €mld. 10 (di cui €mln. 5.785 per avviamento).
Ove depurassimo delle rettifiche su avviamento, avremmo risultati dell’operatività corrente, rispettivamente:
-anno 2011 positivo per €mln. 472
-anno 2012 negativo per €mln. 2062
-anno 2013 negativo per €mln. 2059
In buona sostanza, solo riferendoci all’anno 2013, il risultato, negativo di oltre €mld. 2.0, resta sostanzialmente invariato, rispetto al 2012, pur avendo l’esercizio 2013 beneficiato della riduzione di costi personale per €mln. 475 nonché della rivalutazione delle quote Bankit (ove avessimo preso a raffronto i dati di cui alla pag. 46, avremmo avuto addirittura un peggioramento di €mln.193,6!!).
2) Osserviamo il Patrimonio netto:
-anno 2012 €mln. 6.322
-anno 2013 €mln. 6.163 malgrado il consistente miglioramento nelle riserve negative di valutazione, imputabile esclusivamente al miglioramento dello spread.
3) Osserviamo i Crediti deteriorati:
-anno 2012………€mln. 17.397
-anno 2013………€mln. 20.992
Ne consegue il rapporto % tra patrimonio netto e crediti deteriorati:
-anno 2012 ….. 275,2
-anno 2013……340,3

Dott. Profumo, Dott. Viola, i dati sono, purtroppo, così tanto chiari (in negativo), da commentarsi da soli! Dinanzi a questo preoccupante Bilancio 2013, non posso d’altro canto non costatare la grave situazione gestionale relativa alla Gestione Profumo-Viola, ormai biennale, che – purtroppo – non dà segni di miglioramento, malgrado le rassicuranti esternazioni, mi riferisco in particolare alle asserzioni nell’ultimo scorcio del 2013, stando a notizie di stampa, del Presidente Profumo, ovvero che vedeva una luce infondo al tunnel. Signori, oggettivamente, vedo tanto buio e nebbia, senza vie d’uscita, neppure con l’aucap, in mancanza di recupero di capacità reddituale !!

Norberto Sestigiani

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *